Journey, In viaggio col dolore




23. FLASH. Come trasformare un'emozione.

Nell'episodio precedente ho parlato di emozioni. 

Essere altamente emotivi è faticoso!! Ma diventa un dono, se veicolato con consapevolezza e maturità. Diventa prezioso, per esempio, lavorando al servizio del prossimo perchè si è più empatici, capaci di sentirti in sintonia con le persone, trasformando la comunicazione in qualcosa di profondo, immediato e realizzando uno scambio nutriente per entrambi.
 
A volte, però, pur cercando di stare centrati, ci sentiamo sopraffatti da un’emozione o da un fatto che arriva tra capo e collo. L'intensità con cui la sentiamo ci distoglie dalla centratura e presenza.
 
Io, personalmente, allora chiudo gli occhi, faccio un respiro profondo e sto in ascolto, mi connetto col mio intuito perchè mi indichi un modo per esprimere quell' emozione. Spesso la prima cosa che ti viene in mente è quella buona...un'idea, un'immagine o una sensazione... 
E’ salutare questa pratica, e creativa. Non dovrà per forza nascere un capolavoro. Il mio capolavoro sarà già esprimere l'emozione tra me e me nella mia stanza, anziché vomitarla addosso a qualcuno!
 
Potrà venirmi voglia di scuotermi e danzare. Oppure fare dei gesti semplici come aprire la finestra,  respirare profondamente, ossigenarsi, cambiarsi lo stato d’animo e l’energia, o posare una mano sul cuore e sentirne il calore, il tocco delicato. O magari fare una bella corsa nel quartiere o pasticciare coi colori o cucinare un delizioso pranzetto... 
 
E c'è anche  chi sa scrivere una canzone per raccontare quanto il suo cuore sia spezzato.
 
 
ASCOLTA NEL VIDEO QUI A FIANCO come questa cantautrice americana, Bonnie Bishop, riesca a sublimare le sue emozioni in una canzone, con la sua scrittura e la sua interpretazione vocale 'BEST SONGS COME FROM BROKEN HEARTS'
 
 
 
LEGGI IL PROSSIMO EPISODIO QUI
 
 
 
 
 
HAI UN AMIC@ CHE VIAGGIA NEL DOLORE? CONDIVIDI USANDO I PULSANTI SOTTOSTANTI, QUI!