Journey, In viaggio col dolore




11. FLASH. Nutrire la gratitudine. Come?

 
Ho imparato che vivere trovando lo spunto per essere grata anche nelle piccole cose quotidiane che darei per scontate, mi cambia la giornata e soprattutto mi eleva a uno stato energetico più leggero, mi da forza, entusiasmo, pace, speranza, fiducia. Mi alza la vibrazione. Ogni mattina, appena apro gli occhi, ringrazio: di essere ancora qui, viva, di poter guardare ciò che mi circonda, tutto sommato di potermi muovere -a volte meglio a volte peggio- del giorno prima, ma comunque che il mio corpo sta migliorando e io con lui per nutrire il mio benessere e mia salute. Poi ringrazio per poter usufruire dei comforts della mia casa, dei vasi di fiori regalati da mie amiche e miei fratelli. Di quanto sia buono questo nuovo pane senza glutine appena tostato.Ogni giorno trovo un motivo differente per sentirmi grata. Grata non solo delle cose, ma anche delle persone che ho nella mia vita, di poter essere una discepola di Osho, di sentire quella forma di Amore così unica per Lui; oppure di avere tanti doni, risorse e strumenti per vivere, tante qualità essenziali...
Più pratico questo esercizio e più trovo motivi per essere davvero grata.
All'inizio magari sarà un po' intellettuale questa gratitudine, ma, col tempo, si sente sempre di più, sempre di più.
 
C'è un bellissimo lavoro gratuito che Deepak Chopra offre QUI sulla gratitudine, in italiano. Basta seguire le istruzioni del link. Dura una settimana. Ti arriva nella casella della tua posta elettronica ed è un bel modo di alimentare la propria gratitudine attraverso una meditazione quotidiana guidata e corredata da una bellissima musica, e una serie di domande, di modo da poter applicare la gratitudine nella vita quotidiana.
 
 
"Quando provo gratitudine, trovo la mia Grazia."
Deepak Chopra
 
 
 
HAI UN AMIC@ CHE VIAGGIA NEL DOLORE? CONDIVIDI USANDO I PULSANTI SOTTOSTANTI, QUI!