Journey, In viaggio col dolore




15. FLASH. Che cos'è la creatività?

 
"La creatività non ha niente a che fare con un' attività particolare : con la pittura, la poesia, la danza, il canto. Non ha niente a che fare con niente in particolare.
 
Tutto può essere creativo: tu porti quella qualità nell'attività. L'attività in sé non è né creativa né non creativa. Puoi dipingere in un modo non creativo. Puoi cantare in un modo non creativo. Puoi pulire il pavimento in maniera creativa. Puoi cucinare in un modo creativo.
 
La creatività è la qualità che apporti all'attività che svolgi. È un atteggiamento, un approccio interiore, è il modo con cui guardi le cose.
 
Qualunque cosa tu faccia, se la fai con gioia, se la fai con amore, se la tua azione nel farla non è economica, allora è creativa. Se c'è qualcosa che dentro di te cresce, ti procura una crescita, allora è spirituale, è creativa, è divina.
 
Diventi più divino man mano che diventi più creativo. Tutte le religioni del mondo hanno detto: Dio è il Creatore. Non so se è il Creatore o no, ma una cosa la so: più diventi creativo, più diventi divino. Quando la tua creatività raggiunge il culmine, quando tutta la tua vita diventa creativa, vivi in ​​Dio. Quindi deve essere il Creatore perché le persone che sono state creative sono state le più vicine a Lui. Ama quello che fai. Sii meditativo quando lo fai, qualunque cosa sia! Irrilevante del fatto di ciò che è.
 
Hai visto Paras pulire il pavimento dell'auditorium di Chuang Tzu? Allora sai: pulire può diventare creativo. Con che amore! Quasi cantando e ballando interiormente. Se pulisci un pavimento con così tanto amore, allora avrai fatto un dipinto invisibile. Hai vissuto quel momento con una gioia tale che ti ha dato una crescita interiore. Non potrai più essere lo stesso dopo un atto creativo.
 
Creatività significa amare ogni cosa che fai: goderne, celebrarla, come un dono dell'esistenza! Forse nessuno verrà mai a saperlo. Chi loderà Paras per aver pulito questo pavimento? La storia non ne terrà conto; i giornali non pubblicheranno il suo nome e le sue immagini, ma è irrilevante. A lei è piaciuto. Il valore è intrinseco.
 
Quindi, se cerchi la fama e quindi pensi di essere creativo - se diventi famoso come Picasso, allora sei un creativo, allora perderai il punto. Non sei affatto creativo: sei un politico, ambizioso. Se la fama succede, bene. Se non succede, bene. Non dovrebbe essere importante. L'importanza dovrebbe stare nel fatto che ti fa piacere fare qualunque cosa fai. È la tua storia d'amore.
 
 
Sii creativo. Non preoccuparti di quello che fai.  Molte cose si hanno da fare, ma tu fa' tutto in maniera creativa, con devozione. Allora il tuo lavoro diventerà venerazione. Allora qualunque cosa farai diventerà preghiera. Qualunque cosa farai sarà come un'offerta su un altare.
 
 
Un atto creativo esalta la bellezza del mondo; dà qualcosa al mondo, non gli sottrae mai nulla. Una persona creativa arriva in questo mondo, e ne esalta la bellezza - una canzone qui, un dipinto là. Fa danzare il mondo meglio, divertirsi meglio, amare meglio, meditare meglio. E quando lascerà questo pianeta, si lascerà alle spalle un mondo migliore. Nessuno lo conoscerà mai o forse qualcuno lo conoscerà, ma non è questo il punto. Lui lascia un mondo migliore, tremendamente realizzato, perché la sua vita ha avuto un intrinseco valore."
 
OSHO, A Sudden Clash of Thunder, Talk # 4
 
 
 
 
 
 
HAI UN AMIC@ CHE VIAGGIA NEL DOLORE? CONDIVIDI USANDO I PULSANTI SOTTOSTANTI, QUI!