Journey, In viaggio col dolore




43. IN VIAGGIO COL DOLORE. Nashville, believing.

Altro regalo della mia amica Marga fu quello di segnalarmi una serie televisiva per me strepitosa, Nashville che parla di stars affermate della musica country e di giovani musicisti e cantanti che cercano di farsi strada, a caccia di occasioni per farsi ascoltare. 
Le canzoni soprattutto mi meravigliarono. Dopo lustri di musica Afroamericana, mi ritrovai a ri-amare un genere che prediligevo da ragazzina quando a 15 anni cantavo Bob Dylan, Joan Baez, Pete Seeger con la mia chitarra folk Ibanez nera. Queste nuove canzoni però avevano/hanno una scrittura che è andata avanti, più sofisticata e contemporanea. Gli attori della serie sono veri cantanti, veri strumentisti che son stati accolti nel Grand Ole Opry di Nashville, 'il' programma radiofonico e 'il' tempio della musica country americana che ospitò le performances dei più grandi singer-song writers da Dolly Parton a Johnny Cash, Kitty Wells, Patsy Cline, Loretta Lynn...
Guardare questa serie e ricevere la bellezza, la profondità e semplicità di questa musica mi dava il contesto emotivo ed esistenziale giusto per stare in contatto con la mia parte profonda attraverso la musica. Non succedeva da moltissimo tempo. Mi ero dedicata alla musica mistica per un anelito di sincerità e di non esibizionismo egoico. E ora lo ritrovavo qui! 
 
Nell' ambiente dei musicisti country c'è il detto che per scrivere una buona canzone ci vogliono 'Tre accordi e la verità'. La verità di ciò che si sente, e per farlo devi aprirti a te stesso, al tuo dolore, passarci attraverso ed essere così sincero con te da poi saperlo raccontare in versi e musica. E' una scrittura introspettiva che l' autore fa soprattutto per indagare i suoi feelings e stati d'animo.
Per me scoprire questo mondo musicale è stato come chiudere il cerchio della mia ricerca e percezione della musica da me vissuta come un' entità sacra, quasi trascendente. Finalmente trovavo un genere profano in cui sentivo che veniva espressa la sacralità dell' essere. Ed era concepito e suonato con la stessa dedizione che io ho per la musica.
E così, una volta all'anno mi rifaccio la maratona di Nashville, non posso vivere senza! Mentre scrivo sto finendo di guardarla per la quinta volta. Mi ricarico, sperando un giorno di ritornare negli U.S.A. che sono sicuramente la mia Patria Musicale.
In questi anni ho imparato qualche canzone per me, per il piacere di immergermici, ma senza cantarla in pubblico.
La Musica era prima di noi e sarà dopo di noi. Per questo va curata, suonata bene, con umiltà, e tramandata con rispetto, amore e venerazione. 
 

 

'Three chords and the truth. That's what a country song is. Willie Nelson

 

'E' difficile essere un diamante in un mondo di strass.' Dolly Parton
 
 
 
I don't remember how I got here
When my rose coloured glasses disappeared
Sometimes my fingers, they can lose touch
Start letting go of everything I love
 
When I get the feeling
That my prayers have hit the ceiling
And those darker days
When my faith has lost all meaning
You keep me believing.
 
My fears are safe here, held in your hand
When I'm broken, you put me back together again
All that I once was, All I could be,
When I've forgotten
Baby you remind me
 
When I get the feeling
That my prayers have hit the ceiling
And those darker days
When my faith has lost all meaning
You keep me believing
 
If every red heart, starts feeling blue
All you are for me
Baby, I'll be that for you
 
When I get the feeling
That my prayers have hit the ceiling
And those darker days
When my faith has lost all meaning
You keep me believing
 

 

SE TI PIACE, CONDIVIDI IL POST NEI SOCIALS USANDO I SOTTOSTANTI BOTTONI

O COPIA L'URL IN ALTO E INVIALO A QUALCHE AMICA/AMICO DALLA TUA POSTA ELETTRONICA.

 
Se desideri ricevere la Newsletter 'In viaggio col dolore' iscriviti QUI
 
 
LEGGI IL PROSSIMO EPISODIO QUI