Journey, In viaggio col dolore



14.11.2018
07. IN VIAGGIO COL DOLORE. Genova, la cura.

Mi ero fatta coraggio e, prima di partire per Genova, avevo contattato Irene, la mamma del mio ex compagno chitarrista genovese.
Irene era quel tipo di persona che c’è sempre e comunque. Che riesce ad essere un  genietto nel suo lavoro, a tenere la casa pulita e ordinata senza aiuti, a cucinare delle lasagne favolose, a coccolare una gattina e ad avere anche il pollice verde.  Oltre ad occuparsi del marito, del figlio e della mamma. Era una persona che incarnava gli insegnamenti della medicina cinese. Emanava pace e dolcezza, ma era autorevole. Una volta l’ avevo chiamata ‘Mamma’. Mi aveva accolta nella sua famiglia come una figlia e mi aveva già precedentemente curata. Praticava con ottimi risultati una sorta di digitopressione, usando i punti dell’agopuntura, ma senza aghi. Aveva dei risultati di miglioramento straordinario sui bambini autistici. Era allieva di un luminare francese di livello mondiale dell’ agopuntura che l’ aveva invitata a pubblicare le sue scoperte. Ma lei era una persona schiva e riservata.
Mi fece al telefono le solite domande un po’ strampalate che ti fanno i medici che praticano la medicina cinese durante l’ anamnesi, e naturalmente mi prese in cura.
 
 
Non so più riferire esattamente ciò che mi disse quando mi vide la prima volta di persona e fece la diagnosi, ma il senso era che a livello energetico -e meno male non ancora nel corpo- c’era da equilibrare il pancreas e il fegato. Prima era urgente curare il pancreas e mi chiese infatti di fare un ulteriore esame (che nessuno mi aveva prescritto prima). Voleva vedere la ‘curva glicemica’. Quando poi la vide, mi disse di evitare gli zuccheri: no pane e pasta, no vino, no dolci e poca frutta. Questa dieta avrebbe coadiuvato i suoi trattamenti di agopuntura.
 
Scoprivo un nuovo modo di curarsi: spostare, disperdere, attivare l’ energia nel corpo attraverso la digitopressione cinese e considerare il cibo come una medicina o come un elemento intossicante.
 
'Fa' che il cibo sia la tua medicina e la medicina il tuo cibo.'
Ippocrate
 
‘Conserva e tratta il cibo come se fosse il tuo corpo, ricordando che nel tempo il cibo sarà il tuo corpo.'
B.W. Richardson
 
 
 
FABRIZIO DE ANDRE 'A CIMMA'  NEL VIDEO A FIANCO 
 
 

Ti t'adesciàe 'nsce l'èndegu du matin

Ti sveglierai sull' indaco del mattino

ch'à luxe a l'à 'n pè 'n tera e l'àtru in mà

quando la luce ha un piede in terra e l' altro in mare

ti t'ammiàe a ou spègiu de 'n tianin

ti guarderai allo specchio di un tegamino

ou cé ou s'ammià on spègiu dà ruzà 

il cielo si guarderà allo specchio della rugiada

 

Ti mettiàe ou brùgu rèdennu'nte 'n cantùn

metterai la scopa dritta in un angolo

che se d'à cappa a sgùggia 'n cuxin-a stria

che se dalla cappa scivola in cucina la strega

a xeùa de cuntà 'e pàgge che ghe sùn

a forza di contare le paglie che ci sono

'a cimma a l'è za pinn-a a l'è za cùxia 

la cima è già piena è già cucita.

 

Cè serèn tèra scùa carne tènia nu fàte nèigra nu turnà dùa

Cielo sereno terra scura carne tenera non diventare nera non ritornare dura

 

Bell' oueggè strapunta de tùttu bun

Bel guanciale materasso di ogni ben di Dio

prima de battezàlu 'ntou prebuggiun

prima di battezzarla nelle erbe aromatiche

cun dui aguggiuìn dritu 'n pùnta de pè

con due grossi aghi dritti in punta di piedi

da sùrvia 'n zù fitu ti 'a punziggè

da sopra a sotto svelto la pungerai

 

àia de lùn-a vègia de ciaèu de nègia

Aria di luna vecchia di chiarore di nebbia

ch' ou cègu ou pèrde 'a tèsta l' àse ou sentè

che il chierico perde la testa e l'asino il sentiero

oudù de mà misciòu de pèrsa lègia

odore di mare mescolato a maggiorana leggera 

cos' àtru fa cos'àtru dàghe a ou cè 

cos'altro fare cos'altro dare al cielo.

 

Cè serèn tèra scùa carne tènia nu fàte nèigra nu turnà dùa

Cielo sereno terra scura carne tenera non diventare nera non ritornare dura

e 'nt'ou nùme de Maria tùtti diài da sta pùgnatta anène via

e nel nome di Maria tutti i diavoli da questa pentola andate via

 

Poi vegnan a pigiàtela i càmè 

Poi vengono a prendertela i camerieri 

te lascian tùttu ou fùmmu d'ou toèu mestè

ti lasciano tutto il fumo del tuo mestiere

tucca a ou fantin à prima coutelà

tocca allo scapolo la prima coltellata 

mangè mangè nu sèi chi ve mangià.

mangiate mangiate non sapete chi vi mangerà.

 

Cè serèn tèra scùa carne tènia nu fàte nèigra nu turnà dùa

Cielo sereno terra scura carne tenera non diventare nera non ritornare dura

e 'nt'ou nùme de Maria tùtti diài da sta pùgnatta anène via.

e nel nome di Maria tutti i diavoli da questa pentola andate via.

 

SE TI PIACE, CONDIVIDI IL POST NEI SOCIALS USANDO I SOTTOSTANTI BOTTONI

O COPIA L'URL IN ALTO E INVIALO A QUALCHE AMICA/AMICO DALLA TUA POSTA ELETTRONICA.

 
Se desideri ricevere la Newsletter 'In viaggio col dolore' iscriviti QUI