Journey, In viaggio col dolore



17.10.2018
03. IN VIAGGIO COL DOLORE. Il valore di sé.

Un cliente italiano, uno degli uomini all’epoca più benestanti d’ Europa,  veniva spesso a giocare al Casinò dell' hotel e si fermava per lunghi periodi, per cui ci ascoltava spesso suonare e cantare. Mi disse più volte: "Che cosa ci sta a fare qui lei? Perché non va a fare dei dischi?"
E una volta lo disse anche alla presenza del mio impresario.
Io sentivo che era una cosa troppo più grande di me. Che non era per me...
 
Un ‘classico’ per chi soffre di artrite: svalutare il proprio essere. Non avere il senso del proprio valore in profondità, non riceverlo a livello cellulare.
Sei cosciente delle tue capacità e qualità, ma non ci credi fino in fondo. E' come se appartenessero a 'qualcun altro' o come se la vita che vivi e le cose che ti dicono e che ti capitano a volte non succedessero realmente a te. E quando ti propongono qualcosa di bello, non ci credi, e non è per te.
Non ci credi perché, nel migliore dei casi, dai valore al tuo fare, ma più in profondità non sei capace di dare valore al tuo esserci semplicemente nel mondo. E, se ti capita un'occasione, non riesci a 'metterti in gioco' a livello profondo, perchè da bambina hai ricevuto dei giudizi negativi sul tuo talento (nel mio caso di fare musica), per cui non ci credi più. Spesso trovi delle giustificazioni di tipo affettivo, c'è il bisogno di avere l' approvazione di qualcuno a cui si vuole bene. Si dice di no per paura di perdere l' amore di qualcuno di speciale.
 
Così quel luogo sfavillante, dove si cantava a comando come animali ammaestrati non importa quale canzone, dove sentivo serpeggiare invidie sotterranee e la musica era considerata poco più di un mezzo di sostentamento, quello era lo specchio perfetto del mio non darmi valore. 
 
 
'Non preoccuparti se gli altri non ti apprezzano. Preoccupati se tu non apprezzi te stesso.'
Confucio
 
 
STEVIE WONDER 'ISN'T SHE LOVELY' NEL VIDEO A FIANCO   
 
'Non è adorabile?
Non è bellissima?
Non è preziosa?
Ha meno di un minuto.
Non avrei mai pensato che l'amore potesse creare
un essere così adorabile come lei
Ma non è adorabile lei
creata dall'amore?'
 
 

SE TI PIACE, CONDIVIDI IL POST NEI SOCIALS USANDO I SOTTOSTANTI BOTTONI

O COPIA L'URL IN ALTO E INVIALO A QUALCHE AMICA/AMICO DALLA TUA POSTA ELETTRONICA.

 
Se desideri ricevere la Newsletter 'In viaggio col dolore' iscriviti QUI