News



12.05.2018
IL SABATO DELLE INTUIZIONI. Ascoltare una vocina interiore nel traffico della Grande Mela.

Nel settembre del 2006 mi trovavo a New York. Era il mio primo viaggio, per amore del jazz e della mia ricerca personale.

 

 

Non conoscevo nessuno, solo qualche sporadico indirizzo di amici di amici. Un giorno, andai nell' Upper East Side, perchè volevo andare a sentire un bravo pianista jazz a St.Peter's Church.  Mentre sono ferma in Park Avenue e aspetto che il semaforo scatti il verde per me, vedo una bandiera italiana sventolare da un palazzo più lontano a NorthWest.....Una voce mi dice: "Vai a dare un'occhiata! Sei sola qui a NY, non si sa mai....E' a pochi passi...Magari è il Consolato o qualche fondazione culturale..."

 

Era l' Istituto Italiano di Cultura

A fianco alla porta d'ingresso dell'Istituto, c'è una bacheca di legno e vetro. Vedo una locandina. Il titolo 'Italian Women in Jazz 2006'. Artist director Enzo CapuaIn quel momento, esce un ragazzo e apre la bacheca. Con la faccia tosta che ho scoperto di avere a New York, mi avvicino a lui, mi presento e gli chiedo informazioni sul Festival. 

 

Vado. Nei camerini, prima del concerto, Enzo Capua è attorniato da un nugolo di cantanti... Corrispondente a New York per 'Musica Jazz' e braccio destro del direttore artistico di 'Umbria Jazz', mi 'stupisce' per la sua affabilità e capacità di dare ascolto a tutti. Mi metto in disparte e aspetto il momento opportuno... Mi presento e gli do un CD che era il mio biglietto da visita. Era un buon modo di presentarmi e francamente me ne resi conto lì. Mi resi conto che partivo un po' avvantaggiata, perchè tre jazz musicians italiani di fama internazionale (Dado Moroni, Paolino dalla Porta, Enzo Zirilli) avevano scommesso su di me, mi avevano dato fiducia, accettando di registrare il mio primo CD di jazz a 45 anni!

Enzo, dandomi il suo biglietto da visita, mi invita a un concerto nel jazz club dove lui una volta alla settimana organizzava concerti solo per cantanti jazz. (Grande cosa, unica a New York!)

 

Da lì tutto si srotolò con una certa facilità...Enzo Capua mi presentò molti musicisti e mi aiutò a trovare una mia identità musicale lì a New York dove mi sentivo l'ultima arrivata e nella posizione di avere molto da imparare a diversi livelli. E imparai. In una città così ricca e stimolante, impossibile essere impermeabili. La Grande Mela mi portò tanti doni. L'approccio che hanno gli americani con la musica lo sentivo molto vicino al mio. Passione, dedizione, sacralità nel profano.

Nella mia vita ho avuto tanti doni, ma anche, devo dire, tanti ostacoli. Questo CD, registrato poi nel 2009, 3 anni dopo, io credo che dovesse davvero manifestarsi, per tutto il supporto che ho ricevuto dall' Esistenza. 

 

Il CD è 'Jazzin' Genova'. E' un tributo ai cantautori della mia città. La cosiddetta 'Scuola Genovese'. Fu prodotto da Enzo Capua che mi lanciò l'idea e mi affiancò in fase di registrazione. E, a livello esecutivo, curato dalla sottoscritta. L'intuizione sul sound che volevo ottenere e quali musicisti lo avrebbero assieme creato. La scelta dello studio di registrazione. La copertina coi i testi del libretto per raccontare agli Americani che cosa fosse la Scuola Genovese. E molte altre cose.....

Dietro alla produzione di un CD c'è un grande meraviglioso lavoro, perchè ogni progetto musicale è unico e, anche se certi passaggi sono obbligati, richiedono una cura e scelte specifiche per 'quel' progetto particolare.. Un CD è figlio della tua intuizione.

Scelsi tre musicisti splendidi come musicalità e personalità. Fui fortunata, o fu anche lì intuizione? Non ebbi dubbi, non appena sentiti suonare in giro per locali e scambiato due parole.

 

Il titolo arrivò una mattina mentre camminavo in una via caotica del centro di Genova. Due parole che sintetizzavano il mio progetto. 'Jazzin' (jazz con l' azione di rendere in jazz= 'jezzando') Genova. Incontrai subito dopo un'amica che era al corrente di tutto e le chiesi: "Ti piace questo titolo?" Annuì. Era fatta!

 

Se non avessi seguito quella vocina interiore e la nostra bandiera, avrei mai fatto quel CD?

 

 

'Enzo Capua. L'uomo del jazz' QUI

 

Puoi trovare il 'Jazzin' Genova'  QUI 

 

Puoi ascoltare tutto il CD su Spotify QUI